NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari,...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

Il fantasma di Abufina del Castello di Grottole

In provincia di Matera c’è il Castello di Grottole, oggi chiuso al pubblico, dove pare si aggiri ancora il fantasma addolorato di Abufina, una giovane donna morta per amore

A Grottole, in provincia di Matera, si trova l’omonimo castello, casa del fantasma della bella Abufina. La leggenda vuole che la giovane donna si faccia vedere affacciata alla finestra del torrione del castello nei mesi di primavera.

Alcuni sostengono, infatti, che nelle notti di luna da aprile a giugno, guardando la finestra spalancata del torrione rivolta verso il paese, è facilmente riconoscibile la figura della bionda e sfortunata Abufina.

 

La leggenda del fantasma di Abufina

Abufina era una dama di residenza al Castello di Grottole dai capelli dorati e dalla pelle candida, innamorata di Selepino, un soldato che combatteva in una terra lontana.

Un giorno, mentre Abufina era intenta a ricamare accanto alla finestra del torrione, vede arrivare un messaggero a cavallo che le consegna una lettera in cui Selepino la prega di raggiungerlo, per poi ritornare insieme al castello.

La donna parte subito su un cavallo bianco ma, sulle sponde del fiume Basento, il quadrupede perde l’equilibrio a causa delle pietre scivolose e Abufina cade, restando travolta dalle acque.

Il signore del castello, allora, per onorare la memoria di Abufina decide di porre una lapide con la scritta: “Ad Abufina la bella, che corse, cui fu dolce morire d’amore; questa torre che fu tua dimora, parli sempre alle genti di te. Ogni amante ti porga un saluto, e si stringa al suo cuore l’amata…”.

Si dice anche che il Basento, pentitosi di aver imbizzarrito il cavallo, di tanto in tanto ancora mormori il nome di Albumina.

 

Il Castello di Grottole

A oggi non esistono notizie certe sulla costruzione del Castello che si erge a Grottole. Alcune fonti lo attribuiscono al 604 d. C., a opera dei Longobardi di Benevento. Altre, invece, affermano che fu costruito dal duca Sichinulfo nel 851.

Oggi il maniero si trova a poca distanza dal centro abitato di Grottole, in Contrada della Motta. La struttura originaria era costituita da 2 piani con 13 vani in quello superiore e 6 vani a piano terra, più una stalla e una cantina.

Al momento il Castello non è visitabile all’interno, ma sappiamo che conserva ancora un camino di grande prestigio, sovrastato da una grande conchiglia in stucco con uno stemma, probabilmente appartenente ai Sanseverino di Bisignano.

Nelle stanze adiacenti alla torre si trovano degli affreschi, purtroppo poco visibili perché negli anni sono stati ricoperti da strati di intonaco. Ancora a piano terra, sotto un grande arco sorretto da una colonna c’era un forno a legna, di cui oggi rimangono pochi resti.

Alcune fonti storiche affermano che intorno alla metà del XVIII secolo, il signore di Grottole, nonché principe di Chiaromonte, Pietrantonio Sanseverino, fece adattare una delle grandi sale presenti al primo piano come un teatro, che ospitò le più famose compagnie di artisti girovaghe della zona.

Poco lontano dal Castello di Grottole vi erano in passato anche le carceri, utilizzate poi come abitazioni.

Precedente

Il Prossimo