NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari,...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

La pista ciclopedonale MareMonti in provincia di La Spezia

Poco lontano dalle Cinque Terre si trova la pista ciclopedonale MareMonti, un percorso di 6 chilometri creato sulla vecchia linea ferroviaria Sei chilometri completamente pianeggianti sull’antico tracciato ferroviario da Levanto a Framura formano la pista...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica
Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia dell’Aquila? Ebbene sì, questo piccolo centro che oggi conta appena 1000 abitanti, circa 2000 anni fa è stato per un anno capitale del popolo italico e ne esistono le prove.

Corfinio sorge su un altopiano al centro della Conca Peligna, nei pressi dell’Aterno e del Sagittario. La città ha origini molto antiche e nei secoli ha avuto nomi diversi: chiamata Corfinium nell’antichità, divenne Pentima nel periodo romano e poi Valva nel medioevo.

Durante la guerra sociale tra Roma e i suoi associati, dal 91 all’88 a. C., Corfinio fu nominata capitale della Lega Italica, data la sua posizione strategica. Furono anni in cui la città si ritrovò a essere un centro molto vitale. È proprio in questo stesso periodo che qui si coniò la prima moneta con la scritta “Italia”.

La posizione di rilievo di Corfinio capitale durò solo un anno, fino a quando la Lex Iulia concesse la cittadinanza romana ai popoli confederati e la città passò sotto il controllo di Roma.

Ancora oggi, ogni anno ad agosto a Corfinio si rievoca la nascita della Lega Italica, con un evento durante il quale viene allestito il mercato storico nel borgo con rivisitazioni delle antiche botteghe che propongono la vendita, tra l’altro, di prodotti enogastronomici artigianali.

 

Cosa vedere a Corfinio

Grazie alla sua storia millenaria, Corfinio oggi rappresenta una meta molto famosa per gli amanti di archeologia. La città attuale conserva ancora l’aspetto medievale e l’abitato più antico si trova proprio dov’era la vecchia capitale.

Entrando nel centro storico, in piazza Corfinio è possibile notare una serie di case disposte a curva: queste seguono la linea della cavea dell’antico teatro romano.

Per conoscere la storia di questo borgo, questi sono i punti di interesse che vale la pena visitare:

 

  • La Concattedrale valvense di San Pelino, eretta sul luogo in cui fu martirizzato il santo e dove sorse anche un cimitero paleocristiano.

Attualmente è formata da tre corpi principali, di cui la cattedrale vera e propria e l’oratorio di Sant’Alessandro restano il blocco più antico.

La basilica, ultimata nel 1235, è stata interamente rifatta secondo il gusto barocco dopo essere stata devastata da diversi terremoti.

Concattedrale valvense

 

  • Palazzo Trippitelli ospita attualmente il Museo Civico Archeologico “Antonio De Nino”, all’interno del quale sono esposti i reperti venuti alla luce nelle campagne archeologiche di scavo condotte nella città e nel suo territorio.

L’edificio risale al XVII secolo ed è appartenuto alla famiglia Colella prima e ai Trippitelli, poi.

Palazzo Trippitelli

 

  • Al Parco Archeologico “Don Antonio Colella” è possibile ammirare reperti provenienti dalla città italica di Corfinium: resti di marciapiedi, portici, pavimenti in mosaico.

Si tratta di un tessuto urbano del II secolo prima di Cristo, mentre sono visibili anche zone come le terme e le domus del secolo successivo, quando la città fu trasformata allo stile romano.

Invece, nell’area del tempio italico, presso la strada provinciale per Pratola Peligna, si trova un santuario appartenente al I secolo.

Parco Archeologico “Don Antonio Colella

Precedente