NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari,...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

Torre Alfina e il suo Castello dei misteri

In provincia di Viterbo si trova un borgo con un castello dalla storia millenaria. Ecco perché vale la pena visitarlo

Siamo sul Piano dell’Alfina, all’estremo nord del Lazio, al confine con la provincia di Orvieto, dove si erge il maniero con le sue imponenti torri che danno il nome al borgo, appunto Torre Alfina.

Il Castello di Torre Alfina è chiamato anche il Castello delle Streghe, perché pare che la torre sia sempre visibile in qualunque punto del paese (e non solo).

La costruzione è del 700 dopo Cristo e dal 2007 Torre Alfina entra a far parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia. Cosa rende questo borgo con il suo castello così particolare? Scopriamolo.

 

Cosa vedere a Torre Alfina

Torre Alfina è una frazione del comune di Acquapendente in provincia di Viterbo. La cittadina è situata a 602 metri s.l.m., sull’altopiano dell’Alfina fra Umbria, Lazio e Toscana.

La sua storia è strettamente legata a quella del castello che nasce come torre-fortezza nel punto più alto del borgo. Infatti, il centro abitato venne costruito intorno a un primo torrione, detto Cassero, che nel corso dei secoli si è ampliato, diventando una vera e propria Rocca rinascimentale.

Il borgo oggi appare come una classica cittadina medievale dove si respirano storia e tradizioni popolari. Dalla piazza della città si scorge già la sua attrazione principale, il Castello, una delle dimore storiche meglio conservate del centro Italia.

Al suo interno si trovano affreschi, statue, marmi e mobili con più di mille anni di storia.

Acquapendente
Acquapendente Roof Tops.” by James Good is marked with CC BY-NC-ND 2.0.

 

La particolare storia del Castello di Torre Alfina

Il Castello venne edificato dalla famiglia Monaldeschi, passò poi alla famiglia Cervara e rimase dal 1400 fino al 1800 di proprietà dell’antica e nobile famiglia Bourbon del Monte.

Sul finire dell’800 divenne di proprietà e abitazione fissa di un personaggio molto particolare: il Conte Edoardo Cahen, un ricco banchiere francese la cui famiglia pare abbia letteralmente finanziato il risorgimento italiano.

Cahen, innamorato del posto, fece costruire un mausoleo all’interno del vicino bosco, in cui volle essere seppellito. Si dice che nel 2011 il sarcofago del conte fu depredato da alcuni antisemitismi (la famiglia Cahen era ebrea). Qualcuno si sbilancia parlando di una maledizione che accompagna i Cahen.

Castello di Torre Alfina
torre alfina” by mararie is marked with CC BY-SA 2.0.

 

Le leggende di Torre Alfina

Oltre al mistero sugli artefici dell’apertura della tomba del conte Cahen, intorno a Torre Alfina ruotano altre leggende e misteri. La prima riguarda proprio il Castello, dove pare si aggiri ancora un fantasma di nome Generoso.

La tradizione popolare, invece, parla di un licantropo che si aggira nel vicino Bosco di Sasseto. Il mostro pare che di notte esca allo scoperto per abbeverarsi dalle acque della sorgente naturale.

Precedente

Il Prossimo