NEW

5 Luoghi Dove Passare un Weekend al Fresco nel Lazio

Il Lazio è una regione ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Quando le temperature estive si fanno insopportabili, non c'è niente di meglio che rifugiarsi in località fresche e rilassanti. Ecco cinque destinazioni imperdibili nel Lazio per trascorrere un...

5 Cose da Vedere in Molise: Un Tesoro Nascosto dell’Italia

Molise, una delle regioni meno conosciute d'Italia, offre una miriade di tesori nascosti che attendono di essere scoperti. Nonostante la sua piccola dimensione, questa regione è ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Se sei alla ricerca di una destinazione...

Cinque Terre in estate: trekking panoramici e spiagge incantevoli a giugno e luglio

Le Cinque Terre, un insieme di cinque pittoreschi villaggi costieri situati nella regione Liguria, sono una destinazione ideale per una vacanza estiva a giugno e luglio. Conosciute per i loro paesaggi mozzafiato, le spiagge incantevoli e le affascinanti escursioni, le...

5 sentieri per famiglie sulle Dolomiti

Sentieri da Percorrere con la Famiglia sulle Dolomiti: Un Paradiso per Tutti Le Dolomiti, patrimonio mondiale dell'UNESCO, offrono uno scenario mozzafiato e una varietà infinita di sentieri che possono soddisfare le esigenze di tutta la famiglia. Che siate...

la spada nella roccia si trova in Toscana

Nel cuore della Toscana, tra le dolci colline e i borghi medievali, si trova una delle leggende più affascinanti e misteriose d'Italia: la Spada nella Roccia. Questa storia non è un mito arturiano, ma una realtà legata alla figura di San Galgano, un cavaliere vissuto...

Il mistero dei Bronzi di Riace

La Calabria, una regione affascinante situata all'estremità meridionale dell'Italia, è nota per la sua ricca storia, i paesaggi mozzafiato e le tradizioni antiche. Tuttavia, tra le sue coste frastagliate e le montagne impervie, si cela un mistero che ha affascinato...

Le 5 Ville più Belle da Visitare a Como e Dintorni

La pittoresca città di Como, situata sulle rive del celebre Lago di Como, è rinomata per la sua bellezza naturale, la sua storia ricca di cultura e le sue affascinanti ville. Queste dimore storiche, spesso immerse in lussureggianti giardini paesaggistici e affacciate...

5 luoghi da visitare assolutamente in Piemonte in primavera

Il Piemonte è una regione del nord-ovest dell'Italia nota per i suoi paesaggi vari, dalla maestosa catena montuosa delle Alpi alle sue verdi valli e storiche città. Ricco di storia, arte e natura, il Piemonte offre una varietà di destinazioni affascinanti che...

7 sentieri escursionistici in Piemonte da non perdere

Scoprire il Piemonte a Piedi: 7 Percorsi Escursionistici Imperdibili       Il Piemonte, con i suoi paesaggi vari e affascinanti, offre agli appassionati di escursionismo una gamma incredibile di sentieri, dai più tranquilli percorsi di bassa montagna alle...

Castelluccio di Norcia quando visitarlo e ammirare le fioriture

Nel cuore dell'Appennino umbro-marchigiano, tra i maestosi Monti Sibillini, si nasconde un tesoro di rara bellezza: la fioritura a Castelluccio di Norcia. Questo piccolo borgo medievale, circondato da distese di pianure ondulate e colorate, si trasforma ogni anno in...

SOGGIORNI

ATTRAZIONI

VOLI

TRANSFER TAXI

NOLEGGIO AUTO

Pistoia, il mistero delle teste mozzate

Passeggiando per il centro storico di Pistoia è possibile incontrare delle sculture di teste mozzate sulle facciate di alcuni edifici. Di cosa si tratta?

La facciata di alcuni edifici di Pistoia è caratterizzata dalla presenza di sculture raffiguranti teste umane mozzate. Sculture in pietra, dal volto inquietante che ancora oggi sono permeate da un alone di mistero.

Si tratta di una particolarità della città toscana, quattro teste scolpite su altrettanti edifici del centro storico su cui sono state ricamate diverse storie e leggende, senza arrivare a una reale spiegazione del loro significato.

A chi appartengono quei volti? Quali personaggi e a quali vicende del passato ci richiamano?

Facciamo un salto indietro nella storia e cerchiamo di capirlo.

 

Le testa mozzata della Chiesa di Sant’Andrea

Sulla facciata della Chiesa di Sant’Andrea, alla destra della porta centrale, è chiara la testa raffigurante Filippo Tedici, il quale vendette la città ai Lucchesi per 10.000 fiorini d’oro e per questo definito il “traditore” di Pistoia.

Tedici, in un tentativo di ritornare a Pistoia dopo essere stato esiliato, fu catturato e decapitato dai pistoiesi. La sua testa fu portata in trionfo per la città e appesa al Palazzo degli Anziani.

In onore di questo episodio, fu scolpita una testa raffigurante il volto del traditore sulla facciata della Chiesa di Sant’Andrea come monito a futura memoria.

Lo sdegno dei pistoiesi era talmente grande da spingerli a spegnere le torce proprio sulla scultura, prima di entrare in chiesa. Ecco perché oggi appare così rovinata.

 

Le altre teste mozzate di Pistoia

Un’altra scultura a forma di testa, sormontata da un braccio che impugna una mazza ferrata si trova sulla facciata del Palazzo Comunale. Inizialmente si pensava che anch’essa raffigurasse l’odiato Filippo Tedici.

Si tratta, in realtà, di una rappresentazione in marmo nero attribuita a Musetto II re di Maiorca, sconfitto dai Pisani nella guerra per la conquista delle Baleari all’inizio del XII secolo. Infatti, la scelta del nero pare faccia riferimento al colore dei Mori sconfitti.

Una seconda testa di Moro mozzata si trova su un capitello di Palazzo de’ Rossi, fra due stemmi della famiglia proprietaria, tra via de’ Rossi e via Abbi Pazienza. L’origine di questa scultura è del 1200 e si dice raffiguri lo stesso Musetto II.

Così come forse appartiene all’allora governatore delle Baleari anche una terza testa, più piccola e sempre dai tratti moreschi, posta su un palazzo in via Borgo Strada. In questo caso si tratta di un bassorilievo dal volto atterrito, quasi inquietante.

Le teste mozzate di Pistoia, che si tratti di Tedici o di Musetto, oggi sono il simbolo dell’orgoglio civico della città e della lotta dei suoi antenati contro gli oppressori e i traditori. Un simbolo di libertà e fierezza della propria identità.

Precedente

Il Prossimo