NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari,...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

Nesso, il borgo con cascata sul lago di Como

Il piccolo borgo di Nesso è nascosto e poco conosciuto alle masse. Eppure nasconde una splendida cascata che vale la pena visitare

Sulla strada che da Como porta a Bellagio c’è un borgo nascosto che racchiude un segreto delizioso. Si tratta di Nesso, un piccolo paesino sulle sponde del lago di Como, famoso ai più esperti per la cascata che si getta nel lago.

La cascata segreta ha origine dall’unione di due torrenti che sfociano nella gola naturale chiamata l’Orrido di Nesso. I due piccoli corsi d’acqua, Tud e Nosè, scontrandosi, generano una cascata che divide il borgo in due e si getta nel lago.

 

L’Orrido di Nesso e la sua cascata

Nesso è un borgo arroccato sulle colline che scendono sul lago di Como. È diviso in cinque frazioni, ognuna con le sue peculiarità pittoresche. Al centro, una spettacolare gola naturale creata da una spaccatura della roccia divide Nesso in due parti.

La parte più interessante dell’Orrido di Nesso, questo è il nome dato alla gola, è la cascata d’acqua che esplode al suo interno e corre per 200 metri prima di infrangersi nelle acque del lago.

La forza dell’acqua qui è tale che nel Medioevo veniva sfruttata per far funzionare i mulini, oltre che per fornire energia a cartiere, oleifici, filatoi, stabilimenti per la lavorazione della seta, magli e torchi.
Orrido di Nesso

Orrido di Nesso 02 – seconda versione più fredda… per Marco Morosini che preferisce le nuvole meno bruciate :-p …io preferisco la 1” by clicat-andreagatti is licensed under CC BY-NC-SA 2.0.

 

Cosa vedere a Nesso

Nesso è un piccolo e pittoresco borgo diviso in cinque frazioni. La parte più antica è quella di Borgovecchio, a Nord del fiume Colmenace. Tra la foce del fiume Colmenace e l’orrido si trova invece la pittoresca Coatesa.

Lungo il fiume Tur troviamo Lissogno, mentre intorno all’antico castello del borgo c’è, appunto, la frazione di Castello. Qui si trova la Chiesa di San Lorenzo, costruita in epoca medievale, poi distrutta e riedificata nel XV secolo e ancora una volta nel 1500.

La parte più agricola del borgo è la frazione di Vico, che porta al Piano del Tivano. Anche qui troviamo una chiesa, nominata a Santa Maria di Vico, risalente al 1100 e utilizzata come lazzaretto durante le epidemie di peste.

Il centro storico di Nesso sorge intorno all’Orrido. Qui, da Piazza Castello c’è una vista incredibile sul lago e sull’antico ponte. Ma la vista più bella si ottiene raggiungendo il Ponte della Civera, di origine romana, raggiungibile attraverso 340 scalini.

Orrido di Nesso 2

Orrido di Nesso” by kkmarais is licensed under CC BY 2.0.

Nesso celebrata dall’arte

Pochi sanno che il Ponte della Civera fu scelto da Alfred Hitchcock per girare alcune scene del suo primo film muto, Il labirinto delle passioni.

Anche Leonardo da Vinci parla di Nesso nel Codice Atlantico, definendola “terra dove cade uno fiume con grande empito, per una grandissima fessura di monte.”

Complice la grande fama che il Lago di Como aveva presso l’ambiente culturale mondiale del XVIII e XIX secolo, il borgo di Nesso è stato raffigurato nelle opere di Federico e Carolina Lose e descritto dallo scrittore Giambattista Bazzoni che ha ambientato proprio qui il suo romanzo Falco della Rupe o la Guerra di Musso.
Orrido di Nesso 3

Orrido di Nesso view from Civera bridge” by freemanphoto is licensed under CC BY-NC-ND 2.0.

Precedente