NEW

7 sentieri escursionistici in Piemonte da non perdere

Scoprire il Piemonte a Piedi: 7 Percorsi Escursionistici Imperdibili       Il Piemonte, con i suoi paesaggi vari e affascinanti, offre agli appassionati di escursionismo una gamma incredibile di sentieri, dai più tranquilli percorsi di bassa montagna alle...

Castelluccio di Norcia quando visitarlo e ammirare le fioriture

Nel cuore dell'Appennino umbro-marchigiano, tra i maestosi Monti Sibillini, si nasconde un tesoro di rara bellezza: la fioritura a Castelluccio di Norcia. Questo piccolo borgo medievale, circondato da distese di pianure ondulate e colorate, si trasforma ogni anno in...

5 luoghi dove fare un picnic in Toscana

La Toscana, con la sua bellezza senza tempo e il suo fascino intramontabile, offre una vasta gamma di luoghi perfetti per un picnic all'aperto. Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica immersa nella natura, ecco cinque luoghi che secondo noi sono i migliori per...

passeggiate in Lombardia: 5 sentieri a un’ora da Milano

Scopri le Passeggiate in Lombardia: 5 Percorsi Entusiasmanti a un'ora da Milano La Lombardia, terra di straordinaria bellezza paesaggistica e ricca di storia e cultura, offre una miriade di opportunità per chi ama immergersi nella natura. Le passeggiate in Lombardia...

misteri delle tombe di Sipan

Il tesoro degli antichi signori Moche" Nelle terre fertili della valle di Lambayeque, lungo le coste settentrionali del Perù, si celano i segreti di una delle più straordinarie scoperte archeologiche del XX secolo: le tombe di Sipan. Queste antiche sepolture,...

5 cose da fare in Piemonte a Pasquetta

Il Piemonte, con le sue valli incantevoli, i vigneti rigogliosi e le cime alpine, offre una varietà di paesaggi e esperienze che lo rendono il luogo ideale per trascorrere la Pasquetta. Che siate alla ricerca di avventure all'aria aperta, di tranquilli picnic tra i...

cose da fare a Pasquetta 2024 in Toscana

Durante il fine settimana di Pasqua, prolungato fino al lunedì di Pasquetta, una tradizione radicata in Toscana è quella di partecipare alle sagre enogastronomiche. Un vero e proprio tour del gusto che offre un'ampia varietà di appuntamenti in tutta la regione. Ecco...

5 luoghi dove passare pasquetta all’aperto in Lombardia

Dopo le cerimonie religiose della Settimana Santa, si giunge al Lunedì di Pasquetta, momento di svago più terreno. Seguendo la consuetudine, ci si riunisce all'aperto per un pranzo conviviale, sempre se le condizioni atmosferiche lo consentono. Tuttavia, per gli...

Piatti tipici di Pasqua delle diverse regioni Italiane

Ecco un Itinerario Enogastronomico di Pasqua: Esplorando le Delizie Autentiche delle Regioni Italiane La Pasqua in Italia è un'occasione unica per immergersi nelle tradizioni culinarie regionali, scoprendo piatti e dolci tipici che caratterizzano le festività pasquali...

Quali città visitare a Pasqua in Italia

Nel cuore dell'Italia, la Pasqua è un momento di grande significato religioso e di festività popolare. In tutto il paese, le città si preparano a celebrare questa importante ricorrenza con una combinazione di riti tradizionali, eventi culturali e festeggiamenti...

SOGGIORNI

ATTRAZIONI

VOLI

TRANSFER TAXI

NOLEGGIO AUTO

Nazca: le linee che sconcertano gli archeologi

Nel cuore del deserto di Nazca, nella regione costiera del Perù, si trovano alcune delle opere più misteriose e affascinanti del mondo antico.

Stiamo parlando dei geoglifi di Nazca. Queste immense figure disegnate sul terreno, visibili solo dall’alto, hanno sconcertato gli archeologi e gli studiosi per secoli, suscitando domande senza risposta sulla loro origine e il loro significato.

Le linee di Nazca coprono un’area di circa 500 chilometri quadrati e consistono in migliaia di linee, figure geometriche e rappresentazioni di animali, piante e figure umane.

Questi disegni furono realizzati rimuovendo la roccia scura della superficie del deserto per rivelare il terreno più chiaro sottostante, creando così un contrasto visibile anche da grandi altezze.

Le caratteristiche misteriose delle linee

Una delle caratteristiche più sorprendenti dei geoglifi di Nazca è la loro dimensione e precisione. Alcune figure misurano fino a 200 metri di lunghezza e sono state disegnate con una precisione straordinaria, senza l’uso di strumenti moderni. Questo ha portato gli studiosi a chiedersi come gli antichi abitanti della regione fossero in grado di realizzare tali opere senza una vista aerea e senza la tecnologia che oggi consideriamo essenziale per progetti di questa scala.

 

 

Le teorie sulle origini delle linee di Nazca

Una delle teorie più diffuse sull’origine dei geoglifi di Nazca è che siano stati creati tra il 500 a.C. e il 500 d.C. dalla cultura Nazca.

Si tratta di una civiltà preincaica che abitava la regione. Si ritiene che queste figure avessero scopi religiosi e cerimoniali, e che fossero usate in riti legati all’acqua e alla fertilità del terreno. Tuttavia, non vi è consenso tra gli studiosi su questo punto, e molte domande rimangono senza risposta.

Una delle teorie più controverse riguarda la possibilità che i geoglifi di Nazca fossero visibili solo dall’alto e che fossero stati realizzati per essere osservati dagli dei. Alcuni ricercatori suggeriscono che gli antichi Nazca potessero avere una conoscenza avanzata dell’astronomia e della geometria. Inoltre si pensava che avessero la capacità di progettare le figure in modo che fossero allineate con determinati punti nel cielo o con eventi astronomici.

Linee di Nazca- Vikipedio

Linee di Nazca – Licenza Creative Commons

Tuttavia, non mancano teorie più fantastiche, che attribuiscono l’origine dei geoglifi di Nazca a visitatori extraterrestri o a antiche civiltà perdute.

Sebbene queste ipotesi siano state ampiamente respinte dalla comunità scientifica, continuano a suscitare interesse e fascino tra il pubblico, alimentando la leggenda dei misteriosi geoglifi di Nazca.

 

Il Prossimo