NEW

La storia di Castel dell’Ovo

La storia di Castel dell'Ovo Castel dell'Ovo, un'imponente fortezza che domina il panorama di Napoli, racchiude in sé secoli di storia e leggende affascinanti che continuano a suscitare l'interesse dei visitatori di tutto il mondo. La sua presenza imponente...

Nazca: le linee che sconcertano gli archeologi

Nel cuore del deserto di Nazca, nella regione costiera del Perù, si trovano alcune delle opere più misteriose e affascinanti del mondo antico. Stiamo parlando dei geoglifi di Nazca. Queste immense figure disegnate sul terreno, visibili solo dall'alto, hanno...

Perché il Festival della Canzone Italiana si fa a Sanremo?

La storia e le origini del festival di Sanremo Il Festival di Sanremo rappresenta un pilastro della cultura italiana, una celebrazione annuale che mescola la musica, lo spettacolo e la tradizione, ma sapete perchè il festival della canzone italiana si fa a Sanremo?....

I piatti migliori delle Dolomiti

Le Dolomiti, cuore delle Alpi, sono una terra incantata non solo per le maestose vette rocciose e i panorami mozzafiato, ma anche per la ricca tradizione culinaria che caratterizza le comunità locali. Prenota subito il tuo hotel sulle dolomiti: In questo viaggio...

I Carnevali più famosi d’Italia

I Magnifici Carnevali d'Italia: Una Festa di Colori, Maschere e Tradizioni L'Italia è terra di antiche tradizioni e celebrazioni, e tra le festività più spettacolari e colorate spiccano i suoi rinomati carnevali. Ognuno di essi è un'esperienza unica, ricca di storia,...

Le terme più esclusive delle Dolomiti

Le Dolomiti, patrimonio dell'umanità e paradiso naturale, ospitano alcuni degli hotel con spa più belli e romantici d'Italia. Questi rifugi di lusso promettono non solo un'esperienza termale straordinaria ma anche viste panoramiche spettacolari e un'atmosfera...

Il carnevale di Venezia 2024: storia, origini, dove e quando

Il Carnevale di Venezia è uno dei più famosi e affascinanti eventi culturali del mondo, celebrato nella pittoresca cornice della città lagunare. Questa festa sfarzosa, caratterizzata da maschere elaborate, costumi sontuosi e una ricca storia, attira visitatori da...

dove si trovano le migliori piste da sci in Italia?

L'Italia è una terra ricca di bellezze naturali e offre un'ampia varietà di destinazioni per gli amanti degli sport invernali. Le piste da sci del Paese, immerse in paesaggi mozzafiato, attirano sciatori di tutte le fasce d'età e livelli di esperienza. In questo...

5 cose insolite da fare a Roma

Roma, la città eterna, offre non solo una ricca storia e cultura, ma anche esperienze uniche che trasformeranno la tua visita in un'avventura indimenticabile. Scopri cinque attività insolite da includere nel tuo itinerario romano. Candlelight: Concerti Immersivi al...

10 cose da fare a Milano a Gennaio

Immergiti nell'Incanto di Milano a Gennaio: 10 Esperienze Straordinarie da Non Perdere Il cuore di Milano batte all'unisono con eventi straordinari anche nel freddo mese di gennaio. La città, sempre viva e vibrante, offre un mix irresistibile di cultura, arte e...

SOGGIORNI

ATTRAZIONI

VOLI

TRANSFER TAXI

NOLEGGIO AUTO

Lollove, il paese dei misteri con venti abitanti

Il piccolo borgo di poco più di venti abitanti in cui il tempo sembra essersi fermato, ha ispirato un famoso romanzo della scrittrice sarda Grazia Deledda

Casette basse in pietra con tetti spioventi, arrampicate sulla collina formano un piccolo borgo a pochi chilometri da Nuoro: si tratta della piccola frazione di Lollove, il borgo malinconico e misterioso con poco più di venti abitanti.

Potrebbe essere un insignificante agglomerato di case sperso nell’entroterra sardo, eppure Lollove, con le sue silenziose strade strette e ripide da cui spuntano i comignoli dei camini è il luogo in cui è ambientato il romanzo “La madre” di Grazia Deledda, scrittrice sarda insignita del Premio Nobel.

 

Il mistero della maledizione di Lollove

Il romanzo della Deledda racconta una storia proibita tra Paulo, un giovane prete, e Agnese, bella fanciulla del posto. Una vicenda peccaminosa, volta a destare scandalo a quei tempi.

In realtà, il fatto non è solo frutto della fantasia della famosa scrittrice, ma si allaccia alla leggenda di una maledizione che, pare, colpì il borgo.

La leggenda parla di un gruppo di suore devote a Santa Maria Maddalena, patrona del borgo, le quali furono accusate di intrattenere relazioni carnali con i pastori della zona, e per questo allontanate da Lollove.

Queste, prima di partire, invocarono una maledizione: “Lollove sarai come l’acqua del mare, non crescerai e non morirai mai”.

L’espulsione e la conseguente sciagura delle consorelle, oggi appaiono come un triste presagio di quello che è stato il destino della piccola frazione rurale.

Infatti, Lollove non è mai stato abbandonato del tutto, ma allo stesso tempo non è mai cresciuta. Il borgo, che a metà del ‘900 contava circa 400 anime, oggi ha appena 20 abitanti, persone perlopiù anziane che continuano a tenere in qualche modo in vita questo piccolo agglomerato medievale.

 

Cosa vedere a Lollove

Comune a sé fino alla metà dell’Ottocento, oggi Lollove è una tranquilla frazione di Nuoro che si anima soltanto in occasione di alcune feste religiose: l’antica patrona Santa Maria Maddalena a fine luglio, l’attuale patrono San Biagio a inizio febbraio, San Luigi dei Francesi a fine agosto e Sant’Eufemia a metà settembre.

Anche a Novembre, grazie alla rassegna Autunno in Barbagia, il borgo si accende. In questa occasione, insieme alle pratiche e ai lavori artigianali, vengono mostrate le antiche case, che sembrano riprendere vita come in un film in bianco e nero.

Oltre alle poche case in pietra che conservano ancora oggi la struttura medioevale, a Lollove è presente anche una chiesa in stile tardo gotico, costruita all’inizio del 1500 e che ancora si conserva in buone condizioni.

I turisti che passano di qui restano rapiti da questo misterioso borgo dalla caratteristica veste medioevale e dalla rilassante atmosfera che danno l’impressione di un luogo fuori dal tempo.

Precedente

Il Prossimo