NEW

Le grotte di Camerano

Oggi vi portiamo nelle Marche, nascosta tra le colline del Parco del Conero si trova una località che ospita una città sotterranea scavata in una grotta, questo luogo ha una storia davvero affascinante, che forse non tutti conoscono, oggi siamo qua per parlarvi di...

Il tesoro di Paraggi

Secondo la leggenda a Paraggi si trova uno dei tesori più preziosi dell’intero mediterraneo. Come spesso accade mistero e realtà si legano insieme dando vita a racconti affascinanti. Oggi vogliamo raccontarvi il misterioso racconto del tesoro di Paraggi.   Dove...

5 curiosità sul Piemonte

Oggi abbiamo deciso di condividere con voi 5 piccole curiosità sul Piemonte. Siete curiosi di scoprirle? Bene, non vi resta che continuare a leggere.   Il Piemonte è la regione più grande dell’Italia… continentale. Il Piemonte i suoi 25.387,1 kmq, 8,4% del totale...

3 storie di fantasmi della città di Genova

L’ex repubblica marinara è una città con una storia affascinante, a tratti misteriosa. Si racconta di molti fantasmi che si aggirano per Genova: ecco i 3 più famosi. C’è chi giura che i caruggi del centro storico di Genova siano infestati di fantasmi, alcuni pacifici,...

Vacanze in Calabria: Amantea

Mare limpido e spiagge spaziose caratterizzano la zona costiera di Amantea, un centro antico calabrese dal fascino suggestivo, molto frequentato in estate. Amantea è un comune costiero della provincia di Cosenza, al confine con quella di Catanzaro, in Calabria. Il...

Acciaroli e il mito di Ernest Hemingway

Acciaroli, oggi rinomata località turistica, conserva vivo il ricordo di Hemingway che abitò qui per un periodo, trovando ispirazione per il suo romanzo. Quella che fino a qualche decennio fa era una località pressoché sconosciuta ai turisti, oggi rappresenta uno dei...

Scoprire la Franciacorta su due ruote

La Franciacorta è una zona collinare famosa per la produzione di vino. Vi proponiamo un itinerario in bicicletta per scoprire questo territorio di origini remote. Attraversando la Franciacorta si incontrano borghi, castelli, riserve naturali e, ovviamente, i...

Il borgo fantasma di Gessopalena

Gessopalena è un borgo abbandonato che ha un passato florido e ha vissuto episodi tragici per mano nazista durante la seconda guerra mondiale Sul territorio italiano non è inusuale incontrare borghi abbandonati, centri che un tempo sono stati abitati e spesso con un...

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Le osterie di Bologna, ieri e oggi

Le osterie a Bologna sono un’istituzione sin dal 1300. Nei secoli si sono evolute ma hanno conservato il loro tratto distintivo: un’ospitalità familiare genuina.
Quando si parla di Bologna non si può non pensare a uno dei simboli che la contraddistinguono: le osterie. Sono noti a tutti la convivialità e il piacere di stare insieme dei bolognesi, soprattutto stando a tavola bevendo un bicchiere di buon vino e gustando i tanti prodotti del territorio.

Le osterie a Bologna sono un luogo di ritrovo dal 1300 e oggi in città si possono trovare ancora alcuni dei locali storici che hanno fatto la storia dell’ospitalità del capoluogo dell’Emilia Romagna.

 

Storia delle osterie bolognesi

Le prime osterie bolognesi risalgono alla fine del 1300, quando in città si contavano già 32 locali luogo di ritrovo di artisti, nobili, briganti e viaggiatori. Le osterie, infatti, erano e sono tutt’oggi una realtà che accoglie ogni ceto sociale.

La storia ricorda quelle più famose che sono nate e morte nei secoli, tra cui l’Osteria del Montone, abbattuta per costruire un palazzo nobiliare, l’Osteria del Sole, dove si serviva solo da bere ma si poteva portare il cibo da fuori, e l’Osteria del Cappello, unico locale ammesso agli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Nell’antichità c’era un unico punto di rifornimento del vino per tutta la città ed era in via dei Pignattari. La Compagnia dell’Arte dei Brentatori vendeva il vino e riscuoteva anche la tassa, che variava in base alla quantità e alla qualità acquistata.

Delle antiche osterie dei secoli scorsi non rimane traccia oggi, in quanto gli edifici che le ospitavano sono man mano stati sostituiti da palazzi moderni. Questo non vuol dire che non ci siano più osterie, anzi: il punto d’incontro per i bolognesi doc resta ancora oggi questo tipo di locale in cui tradizione e modernità si incontrano.


Osteria del Vicario | Certaldo | HDR” by Any.colour.you.like is licensed under CC BY-NC-ND 2.0.

 

Le osterie di Bologna, oggi

Per ovvi motivi non le osterie di tanti secoli fa non esistono più, ma al loro posto ne sono nate tante altre che ancora oggi sono frequentatissime. La maggior parte conservano l’uso di servire piatti della tradizione in un ambiente accogliente e autentico a prezzi accessibili, oltre, ovviamente, a buon vino.

Studenti, artisti, operai, professionisti e turisti: tutti frequentano le osterie a Bologna quando vogliono trascorrere una pausa pranzo o una serata all’insegna della rilassatezza.

Non mancano le osterie 2.0, quelle, cioè, che offrono un servizio di classe, proponendo un tipo di osteria contemporanea dove si sperimentano nuovi piatti e un servizio decisamente più chic.

Comunque siano organizzate, le osterie di Bologna hanno sempre la prerogativa di offrire cucina di qualità e ingredienti genuini che hanno dentro tutto il gusto dell’Emilia Romagna: un sapore che non si dimentica.


osteria” by _gee_ is licensed under CC BY 2.0.

Precedente