NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

La pista ciclopedonale MareMonti in provincia di La Spezia

Poco lontano dalle Cinque Terre si trova la pista ciclopedonale MareMonti, un percorso di 6 chilometri creato sulla vecchia linea ferroviaria Sei chilometri completamente pianeggianti sull’antico tracciato ferroviario da Levanto a Framura formano la pista...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia
Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari, di cui 1154 coprono la superficie marina, chiamata, appunto, la Riserva Naturale della Foce Isonzo.

Il sito ospita oltre 300 specie di uccelli, ma anche pesci, cigni, volpi, nutrie, rettili e i famosi cavalli bianchi della Camargue, tutti animali che vivono indisturbati nel loro habitat naturale.

All’interno della riserva troviamo l’Isola della Cona, considerata la migliore area italiana per il birdwatching.

 

I percorsi dell’Isola della Cona

L’Isola della Cona è considerata il cuore della Riserva Naturale e l’area di maggiore interesse. All’interno ci sono diversi osservatori e punti di osservazione strategici da cui ammirare le specie di animali che vivono l’Isola della Cona, senza disturbarli.

In questo modo, gli animali non si sentono minacciati dalla presenza dell’uomo, anche se si arriva molto vicino a loro.

Ci sono due percorsi aperti al pubblico: il primo ad anello di circa due chilometri, e il secondo più lungo, circa 9 chilometri tra andata e ritorno, che raggiunge Punta Spigolo, ovvero la foce del fiume.

Lungo i percorsi si ha anche la possibilità di vedere a distanza ravvicinata i cavalli bianchi Camargue che qui vivono allo stato brado. Questa specie è stata introdotta nella riserva circa 30 anni fa, e da allora pascolano liberi, come natura vuole.

Isola della Cona 2
Chiurlo (Isola della Cona – IT)-” by gcalsa is licensed under CC BY-ND 2.0.

Le specie da osservare all’Isola di Cona

Ma non ci sono solo i cavalli Camargue qui. Si contano oltre 300 specie di uccelli selvatici, sia stanziali che migratori, e 650 specie di piante spontanee.

Tra aironi, cormorani, chiurli maggiori, germani reali, alzavole, marzaiole, pavoncelle, garzette, anatre e gabbiani, a volte fanno capolino anche i fenicotteri rosa.

Percorrendo il sentiero ad anello si incontra uno dei punti panoramici più belli su tre piani, l’Osservatorio della Marinetta. Da qui si rimane incantati osservando gli animali selvatici e l’ambiente naturale in cui vivono. Infatti, c’è una vista a 360° su tutta l’Isola della Cona.

I veri appassionati possono anche affittare un capanno fotografico, da cui immortalare uccelli e mammiferi in tutta tranquillità.

Ritornando al punto di partenza, che è lo stesso per entrambi i percorsi, gli escursionisti possono fermarsi al punto di ristoro per mangiare qualcosa e lasciare i bambini divertirsi nel parco giochi.

Anche dal punto ristoro di ha una vista privilegiata sulla riserva: un buon modo per cominciare o terminare la giornata a contatto con la natura all’interno della Riserva Naturale della Foce Isonzo.

Isola della Cona
Isola della Cona.” by Lorenzo L M. is licensed under CC BY-NC-SA 2.0.

Precedente