NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari,...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

La leggendaria Porta Alchemica di Roma

In un angolo di Piazza Vittorio a Roma è custodita la Porta Alchemica che pare conservi il segreto della pietra filosofale

La Porta Alchemica è un monumento edificato tra il 1655 e il 1680 da Massimiliano Savelli Palombara, marchese di Pietraforte, a villa Palombara, sul colle Esquilino, a Roma. La villa originariamente aveva cinque porte, ma Porta Alchemica è l’unica sopravvissuta fino a oggi.

La leggenda narra di un pellegrino che arrivò a villa Palombara in cerca di un’erba miracolosa in grado di generare oro. Quando l’uomo scomparve in circostanze misteriose, sulla porta d’ingresso vennero ritrovate tre pagliuzze d’oro e una scritta indecifrabile. Questa fu successivamente incisa sull’arco della porta ma, ancora oggi, non se ne conosce il significato.

 

La Porta Alchemica di Roma

Non tutti sanno della sua esistenza, ma la Porta Alchemica è considerata la più alta testimonianza della tradizione magico-alchemica europea, simbolo dell’alchimia occidentale e oggi unica ancora in piedi tra le originarie cinque porte di Villa Palombara.

La Porta Alchemica si presenta con una struttura in pietra con diverse iscrizioni di carattere esoterico ed iniziatico. Fu costruita nella seconda metà del ‘600 da Massimiliano Palombara,  marchese di Pietraforte, appassionato di esoterismo e alchimia.

Il motivo per cui il marchese fece costruire le cinque porte di ingresso alla villa risiede nella sua speranza di attirare l’attenzione di esperti di alchimia che potessero decifrare i simboli scolpiti su di esse.

Pare che contribuì alla costruzione della Porta Alchemica la regina Cristina di Svezia la quale, costretta ad abdicare a causa della sua conversione al cattolicesimo, si trasferì a Roma dove fondò l’Accademia dell’Arcadia.


Opus occultum” by Marco / Zak is licensed under CC BY-ND 2.0.

 

I misteri della Porta Alchemica di Roma

Oggi la porta superstite di Villa Palombara presenta due serie di tre simboli planetari, ognuno di essi associato a un metallo e a un motto criptico. In alto ci sono anche due triangoli sovrapposti che formano una stella di Davide, insieme a ulteriori altri simboli.

Alla loro base, si legge la frase palindromaSi Sedes Non Is (se siedi non vai)” che al contrario si trasforma invece in “Si Non Sedes Is (se non siedi vai)”.

Si dice che queste iscrizioni siano state ispirate da un pellegrino che arrivò a Villa Palombara intenzionato a cercare nel giardino della tenuta una misteriosa pianta dalla magica proprietà di produrre oro.

Il marchese, attratto da questo personaggio, pensò di ospitarlo nella sua dimora, ma il mattino seguente egli era sparito, lasciando lungo il suo percorso dei frammenti di oro puro e dei fogli pieni di appunti con simboli ermetici: gli stessi che si trovano scolpiti sulla Porta Alchemica.

 

Dove si trova la Porta Alchemica

Oggi la Porta Alchemica si trova in una posizione diversa da quella originaria. Villa Palombara, infatti, sorgeva tra la Villa Gregoriana, l’attuale Merulana, e via Felice, che congiungeva Santa Croce in Gerusalemme con Trinità dei Monti.

Per vedere la Porta Alchemica è necessario andare nel cuore dei giardini di Piazza Vittorio. La porta è stata incastonata in un muro alle spalle dell’imponente ninfeo Trofei di Mario, sorvegliato da due severe statue del dio egizio Bes rinvenute negli scavi del Quirinale di fine Ottocento.

Precedente