NEW

5 Luoghi Dove Passare un Weekend al Fresco nel Lazio

Il Lazio è una regione ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Quando le temperature estive si fanno insopportabili, non c'è niente di meglio che rifugiarsi in località fresche e rilassanti. Ecco cinque destinazioni imperdibili nel Lazio per trascorrere un...

5 Cose da Vedere in Molise: Un Tesoro Nascosto dell’Italia

Molise, una delle regioni meno conosciute d'Italia, offre una miriade di tesori nascosti che attendono di essere scoperti. Nonostante la sua piccola dimensione, questa regione è ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Se sei alla ricerca di una destinazione...

Cinque Terre in estate: trekking panoramici e spiagge incantevoli a giugno e luglio

Le Cinque Terre, un insieme di cinque pittoreschi villaggi costieri situati nella regione Liguria, sono una destinazione ideale per una vacanza estiva a giugno e luglio. Conosciute per i loro paesaggi mozzafiato, le spiagge incantevoli e le affascinanti escursioni, le...

5 sentieri per famiglie sulle Dolomiti

Sentieri da Percorrere con la Famiglia sulle Dolomiti: Un Paradiso per Tutti Le Dolomiti, patrimonio mondiale dell'UNESCO, offrono uno scenario mozzafiato e una varietà infinita di sentieri che possono soddisfare le esigenze di tutta la famiglia. Che siate...

la spada nella roccia si trova in Toscana

Nel cuore della Toscana, tra le dolci colline e i borghi medievali, si trova una delle leggende più affascinanti e misteriose d'Italia: la Spada nella Roccia. Questa storia non è un mito arturiano, ma una realtà legata alla figura di San Galgano, un cavaliere vissuto...

Il mistero dei Bronzi di Riace

La Calabria, una regione affascinante situata all'estremità meridionale dell'Italia, è nota per la sua ricca storia, i paesaggi mozzafiato e le tradizioni antiche. Tuttavia, tra le sue coste frastagliate e le montagne impervie, si cela un mistero che ha affascinato...

Le 5 Ville più Belle da Visitare a Como e Dintorni

La pittoresca città di Como, situata sulle rive del celebre Lago di Como, è rinomata per la sua bellezza naturale, la sua storia ricca di cultura e le sue affascinanti ville. Queste dimore storiche, spesso immerse in lussureggianti giardini paesaggistici e affacciate...

5 luoghi da visitare assolutamente in Piemonte in primavera

Il Piemonte è una regione del nord-ovest dell'Italia nota per i suoi paesaggi vari, dalla maestosa catena montuosa delle Alpi alle sue verdi valli e storiche città. Ricco di storia, arte e natura, il Piemonte offre una varietà di destinazioni affascinanti che...

7 sentieri escursionistici in Piemonte da non perdere

Scoprire il Piemonte a Piedi: 7 Percorsi Escursionistici Imperdibili       Il Piemonte, con i suoi paesaggi vari e affascinanti, offre agli appassionati di escursionismo una gamma incredibile di sentieri, dai più tranquilli percorsi di bassa montagna alle...

Castelluccio di Norcia quando visitarlo e ammirare le fioriture

Nel cuore dell'Appennino umbro-marchigiano, tra i maestosi Monti Sibillini, si nasconde un tesoro di rara bellezza: la fioritura a Castelluccio di Norcia. Questo piccolo borgo medievale, circondato da distese di pianure ondulate e colorate, si trasforma ogni anno in...

SOGGIORNI

ATTRAZIONI

VOLI

TRANSFER TAXI

NOLEGGIO AUTO

Il mistero delle domus de janas

Tipiche del Mediterraneo, le domus de janas sono diffuse soprattutto in Sardegna. Sono tombe preistoriche scavate nella roccia, misteriose ed antichissime.

Talvolta isolate, talvolta in raggruppamenti che raggiungono anche le 40 unità, sono state costruite tra il Neolitico e l’Età del Bronzo antico. E, il loro nome, significa “casa delle fate”.

In realtà, la loro storia non la si conosce con certezza. E, oltre alle 2.400 portate alla luce, ce ne sono molte altre non ancora scavate.

 

La storia delle domus de janas

Collegate tra loro a formare delle gigantesche necropoli, le domus de janas (che i sardi chiamano anche forrus o forreddus) si pensa siano state costruite tra a il IV e il III millennio a.C. Le si attribuisce infatti agli Ozieri, un popolo venuto dal mare, dedito all’agricoltura, laborioso e pacifico. La loro provenienza, in realtà, resta un mistero. Così come la sua religione, che si fa risalire alle isole Cicladi e che si basava sull’adorazione del Sole e del Toro (simbolo della forza dell’uomo), della Luna e della Madre Mediterranea (simbolo di fertilità).

Perché, sebbene presenti in molti luoghi del Mediterraneo, le domus de janas in Sardegna sono uniche? Perché la loro lavorazione è straordinariamente accurata, e sono costruite su modello delle “case dei vivi”. Così, visitandole, si può immaginare come si viveva nella Sardegna antichissima. Il defunto, infatti, veniva portato dalla sua casa in vita alla casa per l’eternità, che con la prima doveva avere una certa continuità. Il corpo veniva messo in una posizione fetale, dipinto con ocra rossa, e lì vicino venivano posizionati oggetti della sua vita quotidiana oltre che del cibo per quell’ultimo “viaggio”.

Tuttavia, l’usanza funebre di quel tempo non la si conosce in profondità. I corredi venivano rimossi per far spazio ad altre sepolture, e non si sa se – effettivamente – ogni domus de janas era utilizzata per un solo nucleo familiare o per la “collettività”.

Domus de Janas
“File:Lotzorai domus de janas 1.jpg” by Mauro Mereu is licensed under CC BY-SA 2.5

 

Come visitare le domus de janas

Sono diversi i luoghi in Sardegna in cui è possibile visitare le domus de janas. Le più “ricche” si trovano vicino ad Alghero: il complesso ipogeico di Anghelu Ruju è la più grande necropoli della Sardegna prenuragica. Scoperta nel 1903, vanta 38 ipogei in due gruppi (uno da 7 e uno da 31).

Ma ci sono anche interessanti ipogei a Villaperuccio (complesso di Montessu), Bonorva (complesso di Sant’Andrea Priu) e a Villanova Monteleone (complesso di Puttu Codinu). In realtà, l’intera regione è ricca di domus de janas. Alcune di esse sono ancora interrate, altre sorgono in siti privati. Sempre, vederle è un salto nella storia e nel mistero.

Anghelu Ruju
“File:Alghero, necropoli di Anghelu Ruju (008).jpg” by Gianni Careddu is licensed under CC BY-SA 4.0

Il Prossimo