NEW

Perché visitare Capri almeno una volta nella vita

A ovest della penisola sorrentina, in mezzo al mare, si trova Capri, un'isola che ha attratto a lungo sulle sue coste personaggi ricchi e famosi. L'isola di Capri è famosa per molte ragioni. Ha una sua bellezza naturale sbalorditiva, una cucina deliziosa e propone...

Tra fiabe e natura: il sentiero Li Vurgacci a Pioraco

In provincia di Macerata si trova il sentiero naturalistico Li Vurgacci, una passeggiata di circa un’ora in mezzo al verde in cui si incontrano anche dei mostri di pietra Il sentiero Li Vurgacci a Pioraco è un vero e proprio viaggio a piedi fra grotte, sentieri e...

Il cammino dell’Alta Via dei Monti Liguri

Un percorso di trekking storico e naturale lungo 440 chilometri tra il mare e le montagne, da ponente a levante: ecco l’Alta Via dei Monti Liguri L’Alta Via dei Monti Liguri è un itinerario perfetto da percorrere tutto l’anno, adatto a tutti. Migliaia di chilometri di...

La Seggia del Diavolo, il misterioso volto di Albano Lucania

La Seggia del Diavolo è una costruzione megalitica ancora avvolta dal mistero e sulla cui costruzione si fanno diverse ipotesi, nessuna mai storicamente avvalorata Siamo ad Albano di Lucania, un piccolo centro in provincia di Potenza, situato a circa 900 metri di...

Il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo

La bellissima città di Bergamo ha un dolce primato. È qui che è nato uno dei gusti di gelato più amati nel mondo nel lontano 1961: la stracciatella Lo sapevi che il gelato alla stracciatella è nato a Bergamo nel lontano 1961? E sapevi che ancora oggi, alla gelateria...

La leggenda del quadro dell’anima dannata

La Chiesa della Missione ai Vergini di Napoli costruita dal Vanvitelli possiede al suo interno un quadro su cui si narra la leggenda di un amore contrastato La città di Napoli nasconde leggende e misteri, come quella del quadro dell’anima dannata presente all’interno...

Visita al parco secolare del Castello di Strassoldo di Sopra

Il Castello di Strassoldo di Sopra ha una storia millenaria e oggi risulta essere uno degli edifici dell’epoca meglio conservati d’Europa. Ci troviamo nel Comune di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. Qui si trova la frazione di Strassoldo, uno dei borghi...

Corfinio, la prima capitale d’Italia

In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia...

La straordinaria biodiversità dell’Isola della Cona

Esiste un luogo in cui oltre 400 specie di animali e uccelli vivono indisturbati nel loro habitat naturale. Si chiama Isola di Cona e si trova in Friuli Venezia Giulia Nell’ultimo tratto del fiume Isonzo, in Friuli Venezia Giulia, c’è una riserva di oltre 2300 ettari,...

Una giornata di trekking alle Gole del Sagittario

La Riserva Naturale e Oasi WWF dell’Abruzzo fornisce percorsi adatti a tutti per vivere una giornata immersi nella natura e scoprire alcuni dei borghi più belli d’Italia A pochi passi dal Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo, si trovano le Gole del Sagittario con...

Il Cammino dei Cappuccini nel cuore delle Marche

Il Cammino dei Cappuccini è un itinerario che attraversa le Marche da nord a sud alla scoperta dei luoghi delle origini dell’Ordine dei Frati Cappuccini

Il Cammino dei Cappuccini attraversa le intere Marche, da nord a sud, per 400 chilometri, toccando i luoghi fondamentali che hanno segnato l’inizio dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. È un percorso che porta alla scoperta della storia della riforma francescana arrivata su questo territorio nel 1500.

Partendo da Fossombrone si attraversa la dorsale interna delle Marche, passando per incantevoli borghi e paesaggi naturali inondati di pace e tranquillità, fino ad arrivare ad Ascoli Piceno.

È un percorso da fare tutto in una volta in 17 giorni, oppure diviso in più parti. Il cammino è pensato per essere attraversato da nord a sud, seguendo la narrazione della storia dei cappuccini contenuta nel romanzo “Lo spirito dei cappuccini” che accompagna il pellegrino lungo il percorso.

Anche se è pensato per i pellegrini, non è un itinerario esclusivamente a carattere religioso: chiunque lo può intraprendere, anche solo per scoprire le bellezze della natura marchigiana e dei suoi territori ricchi di storia e di bontà enogastronomiche.

 

Le tappe del Cammino dei Cappuccini

Il Cammino dei Cappuccini è un percorso molto interessante sia dal punto di vista spirituale che storico-artistico e naturalistico. Può essere impegnativo in alcuni tratti con dislivelli importanti, per cui è necessario avere una discreta resistenza fisica.

Il percorso attraversa i luoghi delle origini dell’Ordine dei Cappuccini lungo quasi 400 chilometri. Può essere attraversato tutto l’anno, anche se il periodo migliore è quello che va dalla primavera all’autunno.

Si parte dal Colle dei Santi di Fossombrone e si prosegue attraversando la Gola del Furlo per raggiungere Cagli, dove si trova uno dei pochi conventi ad aver mantenuto l’architettura originale.

Da qui il cammino prosegue, attraverso una serie di interessanti tappe, tra cui l’Eremo di San Girolamo, Fabriano, l’abbazia di Sant’Urbano, Cingoli, il famoso balcone delle Marche, San Severino Marche, Camerino,

Le tappe hanno una lunghezza che va dai 17 ai 27 chilometri, attraverso borghi che si fondono col paesaggio, boschi ricchi di vita, specchi d’acqua tranquilla e colline ordinate.

Ognuna di esse prevede una serie di posti in cui fermarsi a dormire e a mangiare a prezzi calmierati, grazie a una convenzione stipulata con la maggior parte delle strutture del percorso.


Fossombrone” by paolobenegiamo.weebly.com is licensed under CC BY-NC-ND 2.0.

 

Prepararsi al Cammino dei Cappuccini

Il Cammino dei Cappuccini non è da ritenersi una passeggiata da fare con la famiglia nel week end. Prima di intraprendere quest’esperienza è bene sapere che è necessario un minimo di allenamento per poter sostenere le lunghe camminate a vari dislivelli.

Inoltre, il cammino va affrontato con il giusto abbigliamento e l’attrezzatura necessaria. Questo vuol dire avere scarpe da trekking resistenti e un abbigliamento sportivo consono in base al periodo scelto.

Tutto ciò che occorre durante le giornate andrà portata in uno zaino in spalla, per cui è bene portare con sé solo il necessario, ma senza dimenticare delle cose indispensabili, come una crema solare, un kit di pronto soccorso essenziale, una mantella per la pioggia, una torcia e sufficienti cambi per il giorno e la notte.


Vista da Frontino (PU)” by www.turismo.marche.it is licensed under CC BY-NC-SA 2.0.

Precedente