NEW

La storia di Castel dell’Ovo

La storia di Castel dell'Ovo Castel dell'Ovo, un'imponente fortezza che domina il panorama di Napoli, racchiude in sé secoli di storia e leggende affascinanti che continuano a suscitare l'interesse dei visitatori di tutto il mondo. La sua presenza imponente...

Nazca: le linee che sconcertano gli archeologi

Nel cuore del deserto di Nazca, nella regione costiera del Perù, si trovano alcune delle opere più misteriose e affascinanti del mondo antico. Stiamo parlando dei geoglifi di Nazca. Queste immense figure disegnate sul terreno, visibili solo dall'alto, hanno...

Perché il Festival della Canzone Italiana si fa a Sanremo?

La storia e le origini del festival di Sanremo Il Festival di Sanremo rappresenta un pilastro della cultura italiana, una celebrazione annuale che mescola la musica, lo spettacolo e la tradizione, ma sapete perchè il festival della canzone italiana si fa a Sanremo?....

I piatti migliori delle Dolomiti

Le Dolomiti, cuore delle Alpi, sono una terra incantata non solo per le maestose vette rocciose e i panorami mozzafiato, ma anche per la ricca tradizione culinaria che caratterizza le comunità locali. Prenota subito il tuo hotel sulle dolomiti: In questo viaggio...

I Carnevali più famosi d’Italia

I Magnifici Carnevali d'Italia: Una Festa di Colori, Maschere e Tradizioni L'Italia è terra di antiche tradizioni e celebrazioni, e tra le festività più spettacolari e colorate spiccano i suoi rinomati carnevali. Ognuno di essi è un'esperienza unica, ricca di storia,...

Le terme più esclusive delle Dolomiti

Le Dolomiti, patrimonio dell'umanità e paradiso naturale, ospitano alcuni degli hotel con spa più belli e romantici d'Italia. Questi rifugi di lusso promettono non solo un'esperienza termale straordinaria ma anche viste panoramiche spettacolari e un'atmosfera...

Il carnevale di Venezia 2024: storia, origini, dove e quando

Il Carnevale di Venezia è uno dei più famosi e affascinanti eventi culturali del mondo, celebrato nella pittoresca cornice della città lagunare. Questa festa sfarzosa, caratterizzata da maschere elaborate, costumi sontuosi e una ricca storia, attira visitatori da...

dove si trovano le migliori piste da sci in Italia?

L'Italia è una terra ricca di bellezze naturali e offre un'ampia varietà di destinazioni per gli amanti degli sport invernali. Le piste da sci del Paese, immerse in paesaggi mozzafiato, attirano sciatori di tutte le fasce d'età e livelli di esperienza. In questo...

5 cose insolite da fare a Roma

Roma, la città eterna, offre non solo una ricca storia e cultura, ma anche esperienze uniche che trasformeranno la tua visita in un'avventura indimenticabile. Scopri cinque attività insolite da includere nel tuo itinerario romano. Candlelight: Concerti Immersivi al...

10 cose da fare a Milano a Gennaio

Immergiti nell'Incanto di Milano a Gennaio: 10 Esperienze Straordinarie da Non Perdere Il cuore di Milano batte all'unisono con eventi straordinari anche nel freddo mese di gennaio. La città, sempre viva e vibrante, offre un mix irresistibile di cultura, arte e...

SOGGIORNI

ATTRAZIONI

VOLI

TRANSFER TAXI

NOLEGGIO AUTO

Due giornate in Gallura

La Gallura è una bellissima zona turistica sul mare della Sardegna, un paradiso terrestre e marino del nord dell’amata regione italiana. La cosiddetta “Caddura” (in sardo) è caratterizzata da un territorio davvero interessante e vasto, ideale per i turisti amanti della natura, delle tradizioni locali, del buon cibo, del mare ed infine dell’archeologia. In un paio di giorni è possibile visitare questo luogo, organizzando la prima giornata alla ricerca dei preziosi nuraghi, nello specifico il sito nuragico di Lu Brandali, con una sosta in un tranquillo agriturismo e il secondo giorno proseguire la visita alla ricerca di “dolmen” archeologici, con un finale bagno in spiaggia.

Insomma, durante due giornate estive, una splendida gita in Gallura è quello che ci vuole, per distaccarsi da una possibile quotidianità caotica, verso un luogo magico e colmo di storia e tradizioni.

 

Primo giorno: visita al complesso nuragico di Lu Brandali

La prima tappa dell’itinerario sardo nella Gallura si trova presso Santa Teresa Gallura, in provincia di Sassari. Il luogo archeologico di Lu Brandali è un vero polo di archeologia con al suo interno diverse tipologie di reperti come una serie di nuraghi, un piccolo caseggiato in pietra, una particolare sepoltura denominata la “tomba dei giganti” e una gran numero di tombe ”tafone”, ossia con delle tipiche incavature rocciose che si sviluppano dopo una erosione della pietra arenaria.

Il complesso è molto suggestivo, con i caratteristici corridoi composti da “tholos”, ossia particolari tombe del tempo che fu. Appena si varca l’ingresso (nella parte nord-ovest) è possibile ammirare le strutture antiche ormai non più intatte. Le parti archeologiche sono distribuite su tutta l’area, permettendo ai turisti di visitare il sito in totale tranquillità e autonomia. Nella parte centrale della zona dei nuraghi si trova poi il celebre villaggio, con una trentina di casupole di forma tondeggiante. Probabilmente la data di fondazione del luogo potrebbe essere tra il XIV e il X secolo a.C.

Davvero interessante è, però, la denominata “tomba dei giganti”, un complesso funerario creato da massi giganteschi, che danno il significativo nome al sito sacro.

Successivamente alla visita, è possibile proseguire il proprio viaggio alla ricerca di un buon agriturismo sardo, magari spostandosi sulla zona tranquilla di Aggius.

 


“Santa Teresa Gallura, Sardinia” by paula soler-moya is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

 

Secondo giorno: verso il Dolmen di Luras

Dopo una buona dormita e un’ottima colazione tradizionale, è possibile dirigersi verso il sito di Dolmen di Luras, nella parte orientale della Gallura. Sono quattro i caratteristici dolmen più celebri di roccia granitica, che vanno a comporre una zona funeraria, fondata probabilmente durante l’Era Neolitica. Dopo aver lasciato i propri mezzi nel parcheggio del luogo, è possibile procedere a piedi e proseguire liberamente la visita, dirigendosi prima verso i dolmen di Ladas e Ciuledda. Questi reperti sono i più famosi: il primo è considerato il più grande resto archeologico del sito archeologico, mentre nei paraggi si trova l’altro sito funerario Ciuledda, più piccolo ma uguale nella composizione. Gli altri due sono i dolmen di Alzoledda e Bilella, poiché il primo è considerato molto più elementare dal punto di vista strutturale (situato vicino al campo sportivo), mentre l’altro è più caratteristico perché ha un orientamento diverso dagli altri. Esso non è orientato verso una stella specifica nel cielo, ma è diretto verso l’Occidente. Per raggiungere l’ultimo dolmen, occorre andare nella frazione di Abbafritta.

Per concludere la giornata, si potrebbe pensare di fare una brevissima sosta alla spiaggia di Porto Quadro. Dopotutto, il mare della Sardegna è uno dei più belli d’Italia, quindi, perché non approfittare verso il tardo pomeriggio di fare un bagno nella zona, prima di tornare a casa?

 


“File:Luras – Dolmen di Billella (04).JPG” by Gianni Careddu is licensed under CC BY-SA 3.0

Precedente

Il Prossimo